Prossima visita guidata: il Mitreo del Circo Massimo

Il Mitreo del Circo Massimo è uno dei pochi sopravvissuti alle distruzioni e all’oblio operati dai primi cristiani, quando il Cristianesimo assurse a unica religione ufficiale dello Stato con l’Editto di Tessalonica (380 d.C.). Da quel momento tutti i culti pagani furono proibiti e di conseguenza i mitrei vennero sistematicamente obliterati, tramite interramento, dalle chiese cristiane che vi sorsero sopra o nei pressi. Ma solo dopo che le immagini di culto di Mitra e dei suoi dadofori (“portatori di fiaccola”) vennero fatte a pezzi. Per questo i mitrei sono spesso spogli di rilievi, pitture e sculture, ma in alcuni casi qualcosa si è conservato, come nel caso del bellissimo rilievo marmoreo raffigurante Mitra che uccide il toro cosmico (tauroctonia) dando vita all’universo:

Mitra uccide il toro cosmico

Mitra uccide il toro cosmico alla presenza del Sole e della Luna

Si tratta di un ex voto, in realtà, ma rappresenta il ritrovamento più notevole di questo piccolo mitreo scoperto casualmente nel 1931 a 14 metri di profondità, durante i lavori per la realizzazione di un deposito di scene e costumi per il Teatro dell’Opera:

DSC00015

La religione mitraica rappresentò il principale avversario del Cristianesimo tra II e III secolo d.C. per via del suo uguale messaggio di salvezza dell’anima dopo la morte, ma essendo una religione misterica, l’iniziazione era consentita solo agli uomini e gli adepti, formanti sempre piccole comunità, erano strettamente selezionati. Per questo i mitrei sono generalmente luoghi di culto ricavati in piccoli ambienti ipogei o al pian terreno di edifici preesistenti: la forma del mitreo doveva simboleggiare la grotta in cui Mitra era nato e in cui aveva ucciso il toro cosmico, di conseguenza erano sempre in penombra e nascosti alla vista. Ciò ha permesso ad alcuni di loro di salvarsi, a differenza dei templi romani che sono stati spesso usati come cava di materiali.

La visita guidata si svolgerà sabato 21 maggio alle ore 9.00, per ulteriori informazioni e prenotazioni, rimando alla pagina FB dell’evento.